Cuscini per cervicale, la migliore risposta per la cervicalgìa: come agiscono e quali scegliere

Chi, almeno una volta nella vita, ha dovuto combattere con la cervicale sa benissimo che è una brutta bestia che fa stare male di giorno e di notte. Il dolore provocato dalla cervicalgìa provoca un diffuso malessere pregiudicando la qualità della vita, se non si pone un freno per prevenire o curare questo disturbo che se non adeguatamente affrontato può raggiungere stadi di intolleranza. Ci sono vari modi di curare la cervicalgia, ma per avere una risposta immediata si può trovare sollievo in un cuscino per cervicale, che può fare davvero la differenza aiutando a liberarsi da fitte lancinanti che pregiudicano sia il sonno che lo svolgimento della giornata.

Le persone trascorrono almeno un terzo della vita dormendo e se la qualità del sonno è ‘avvelenata’ da sintomi dolorifici il risveglio è un incubo. I dolori da cervicale interessano soprattutto i muscoli del collo espandendosi alle spalle ed è in quel punto che agiscono i cuscini per cervicale offrendo un opportuno sostegno al collo e contribuendo a sciogliere le tensioni muscolari concentrate in quell’area donando sollievo perché aiutano a dormire meglio, nella giusta posizione. E’ proprio nelle cattive posture che va ricercata l’origine della cervicalgia, spesso di giorno siamo costretti a sedere per ore davanti al pc, senza stare diritti, o in casi alternativi si soffre di questo disturbo a seguito di cadute o incidenti. Qualunque sia la causa, il cuscino per cervicale è un vero ‘toccasana’.  

Esistono diversi tipi di cuscini per cervicale in commercio, ognuno strutturato in base ai diversi modi di dormire dell’utente. Ad esempio, c’è il cuscino per cervicale a culla, la cui forma è pensata per distribuire meglio il peso del capo affinché non eserciti pressione sulla colonna vertebrale. Questi tipi di cuscini, oltre a riallineare la colonna vertebrale al collo, aiutano anche a non russare. In alternativa, il mercato propone dei cuscini cervicali più piccoli dei modelli standard, da piegare dietro al collo per tenerlo sollevato e creare una corretta curva spirale mentre si dorme. Questa tipologia, disponibile in diverse taglie e varianti, è consigliata a chi dorme di fianco o sulla schiena. Insomma, a ognuno il suo cuscino.